ENVIE (CN). Cappella di Sant’Antonio

La cappella è situata a sud-ovest dell’abitato di Envie, sul versante est del Montebracco/Mombracco. Sorge su una delle estreme propaggini che si distendono all’interno del territorio pianeggiante. L’edificio è stato edificato su una balza accentuata dalla presenza di un muro di contenimento, immediatamente antistante la facciata principale. L’accesso al luogo è consentito da una stradina sterrata che, diramandosi dalla strada tortuosa che si inerpica sul versante della montagna, giunge sul retro dell’edificio. L’area è caratterizzata dalla presenza di una folta vegetazione boschiva e da ruderi di mura. Nelle immediate vicinanze è, inoltre, presente un arco in pietra che segnava l’ingresso alla comunità che, un tempo, viveva in quel luogo.
https://goo.gl/maps/RtpHNRdRnevdWiBT7

 

Per la struttura muraria e la tipologia costruttiva, l’edificio sembra di antiche origini (XV-XVI sec.).
Tra 1900 e 1950 furono rifatte le decorazioni interne.
La cappella venne ampliata nel 1937; la lunghezza dell’aula venne quasi raddoppiata; fatto avvallato dalla presenza di una discontinuità nella superficie muraria.
La decorazione della facciata è stata ripresa nel 1986 come è testimoniato dalla data dipinta in alto a destra

All‘interno affresco di sant’Antonio abate con  vari animali domestici.

Il 17 gennaio, festa di sant’Antonio Abate, nella cappella si celebra la messa e viene benedetto, come da tradizione contadina, il “caritôn”, pronuncia “caritun”, un pane speciale che riporta una croce incisa sopra ed è dedicato al Santo protettore degli animali. La parola “caritun” deriva da “carità”, poiché in origine questo dolce molto semplice era dato da chiese e confraternite in carità ai poveri.

 

Link:
http://www.chieseitaliane.chiesacattolica.it/chieseitaliane/AccessoEsterno.do?mode=guest&type=auto&code=43986

Data compilazione scheda: 28/12/2021
Rilevatore: AC


Provincia Cuneo
Regione Piemonte

Categorie: Intitolazioni, Schede