PASIAN DI PRATO (Ud), fraz. Colloredo di Prato. Parrocchiale con altare dei Santi Antonio Abate, Antonio da Padova e Floriano

Nella Parrocchiale, dedicata ai Santi Niccolò e Giorgio, collocata su piccola un’altura al centro del paese, si trova un altare dedicato ai Santi Antonio Abate, Antonio da Padova e Floriano.

La data di fondazione della chiesa è ignota; benché si abbia notizia di sacerdoti officianti fin dalla metà del Trecento, non si sa nulla sulla conformazione dell’edificio in cui celebravano.
Il nome dei titolari compare per la prima volta nel 1474 nell’atto di nomina a Cappellano di Giacomo d’Aulea.

La navata unica, di pianta rettangolare, con angoli di facciata smussati, misura internamente metri 20,95 per 12,30 ed è coperta da un soffitto a vela non affrescato.
La superficie delle pareti laterali è interrotta da due nicchie per parte. Nelle più avanzate sono collocati, uno di fronte all’altro, gli altari marmorei della Madonna a sinistra e di Sant’Antonio a destra.
L’elemento di maggior interesse dell’aula è rappresentato dal battistero, posto a sinistra dell’ingresso, in prossimità della bussola, e delimitato da un recinto di colonnine di pietra d’Istria.
Il presbiterio, in posizione sopraelevata rispetto all’aula, separato da essa per mezzo della consueta balaustra, ha forma quadrata con lato di metri 9,40. Sul soffitto a crociera sono effigiati San Giovanni Bosco con Domenico Savio, l’Annunciazione, i Santi Cosma e Damiano e San Pio X, mentre nella lunetta di fondo vi è la Crocifissione.

Al centro si trova l’altar maggiore, massiccio ma ben proporzionato, in marmo di differenti colori, sul quale oltre alle statue dei protettori fa bella mostra di sé il tempietto del tabernacolo, impreziosito dall’immagine della Vergine e da alcuni putti, con al culmine la figura lignea del Cristo benedicente appoggiato sulla volta di una corona molto elaborata. Completano il presbiterio i pregevoli scranni del coro.

 

L’altare dedicato anche a s. Antonio abate risale al 1592, da un documento parrocchiale che indica di aver “speso a M. Vincenzo pitor di udine, per uno quadro per l’altare di Santo Antonio L. 54.1“.
La tela è di autore ed epoca imprecisati, ma quasi certamente non anteriore al XIX secolo.

 

Bibliografia:
Franco SGUERZI, Colloredo di Prato, Campanotto Editore, Udine 1991.

Note:
Le descrizioni sopra riportate sono state dedotte dalla pubblicazione indicata in bibliografia.

Fruibilità:
L’altare è collocato lungo la parete destra della chiesa e quindi visibile quando questa è accessibile (normalmente durante le funzioni religiose).

Rilevatore: Feliciano Della Mora

Data ultima verifica sul campo: 04/07/2008


Regione Friuli-Venezia-Giulia

Categorie: Immagini, Schede