e8a58f5d-d8c8-4f49-a889-ee601fcb99e4

SIENA. Pinacoteca Nazionale. Girolamo di Domenico, “La Madonna col Bambino ei Santi Girolamo, Giovanni Battista, Paolo e Antonio Abate”.

Tempera su tavola, 89,5 x 62,5 cm. (cornice originale verniciata inclusa), di Girolamo di Domenico (documentato dal 1479 al 1513)
Lo scomparto principale rappresenta la scena, rarissima a Siena, del Cristo bambino portato in piedi dalla Madre su un parapetto. Questo si ritrova in uno strano atteggiamento. Tutto il suo corpo è sbilanciato. Cadrebbe se non beneficiasse dell’aiuto della Madre che lo sostiene delicatamente; il gesto è così delicato che sembra anche che Marie indichi con l’indice la prova della mascolinità del Bambino che la caduta del velo che le cingeva i fianchi ha appena rivelato. Il bambino fa un gesto di benedizione. Sarebbe in direzione di Jerome , a meno che non sia in direzione di un personaggio o di un altro gruppo che si trova fuori dallo schermo (?). Sul parapetto, un oggetto lì posto attira l’attenzione: è una campana.

Sullo sfondo, oltre a Jerome che abbiamo appena incontrato, riconosciamo Jean Baptiste e Paul, entrambi sembrano attratti da uno spettacolo invisibile di noi, e all’estrema destra, Antoine Abbé (è indubbiamente colui che ha posto la campana, che è uno dei suoi attributi iconografici, sul bordo del parapetto) si contorce per cercare di vedere meglio la scena che si svolge alla sua destra.

La cornice è suddivisa in dodici scomparti, essi stessi dipinti, che rappresentano (partendo in basso a sinistra e seguendo in senso orario:

Autore: Stefania Mendelssohn

Fonte: https://provincedesienne.com, 1 nov 2018

Categorie: Schede