PORRETTA TERME (Bo). Chiesa di Santa Maria Maddalena, tela con Sant’Antonio abate di Pietro Maria Massari

La storia ultramillenaria della stazione termale di Porretta è vastissima e molto articolata. Per quanto riguarda l’epoca antica la maggior parte delle informazioni si desume indirettamente da scritti e resoconti di studiosi che nei secoli precedenti si sono occupati del problema.
Abbiamo però anche una fonte diretta a testimonianza dell’esistenza di sorgenti termali almeno dall’età romana: si tratta del famoso mascherone raffigurante il volto di un leone, oggi simbolo delle Terme di Porretta. Questa effigie di marmo recuperata nel 1888 lungo il greto del Rio Maggiore viene fatta risalire al primo secolo della nostra era.


Le terme erano frequentate da un pubblico scelto, rappresentato dalla classe dirigente dell’epoca, la società borghese che vedeva nella cittadina termale, oltre a un’occasione di cura, anche un luogo di svago e villeggiatura. Per i Bagni della Porretta questo secolo rappresentò l’apice, con un afflusso di bagnanti mai realizzatosi nel passato.
L’Ottocento coincise con un periodo di grande sviluppo delle terme e di Porretta stessa, determinato, e a sua volta determinante per una serie di fenomeni: costruzione di nuove strade, ferrovie, nuovi stabilimenti, accresciuta collaborazione con la Facoltà di Medicina dell’Università di Bologna …
La parte più antica di Porretta è quella disposta parallelamente al corso del Rio Maggiore, che risulta l’elemento urbanisticamente più rilevante nella formazione dell’antico nucleo porrettano.
L’espansione dell’abitato lungo l’asse fluviale del Reno iniziò nella seconda metà del secolo scorso, dopo l’apertura della strada provinciale porrettana. Fanno invece parte della zona più antica del paese le caratteristiche Via Falcone, Via Ranuzzi (con il bel voltone del Crocefisso) e Via Terme, che hanno mantenuto quasi integralmente il loro aspetto di un tempo.

La Chiesa parrocchiale di Santa Maria Maddalena, di stile neoclassico, è di notevole ampiezza: poco più di 12 metri di larghezza e 43 di lunghezza.
L’edificio, posto in luogo elevato, ben visibile, che quasi domina Porretta dall’alto, è costruito sui ruderi di un antico fortilizio. Fu edificato in pietra su pianta a croce latina ad una sola navata, negli anni che vanno dal 1600 al 1690, ad opera degli architetti bolognesi Giuseppe Antonio Torri e Giuseppe Borelli.
La facciata è semplicemente monocuspidata e priva di ornamenti.
Fra le cose più interessanti e di maggior pregio ricordiamo inoltre: sul terzo altare a destra un crocifisso ligneo del 1630 scolpito da Fra Innocenzo da Petralia Soprana; sul quarto altare a destra un dipinto di S. Anna con Maria bambina, attribuito ad Alessandro Guadassoni, buon pittore bolognese dell’Ottocento; la pala dell’altare maggiore “NOLI ME TANGERE” di Dionigio Calvaert, il maestro di Guido Reni;
sopra la cantoria di sinistra un dipinto di S. Antonio Abate del 1589, opera di Pier Maria Massari il Porrettano, ed una Madonna con Santi da attribuirsi al Tiarini.

 

Note storiche:
Pietro Maria Massari, detto il Porretano perché originario di Porretta Terme, le cui poche opere costituiscono la vera sorpresa per chi visita queste zone.
Le scarse notizie storiografiche relative a Pietro Maria, che non risulta esser stato parente del più noto pittore bolognese Lucio Massari – e neppure di un Mario d’Antonio Maria Massari (o Massai), immatricolato all’Accademia fiorentina del Disegno sullo scorcio del Cinquecento – sono contenute in poche righe della Bologna perlustrata di Antonio Masini, edita nel 1666, e furono riprese, in modo più o meno pedissequo ma senza ulteriori aggiunte, dagli storiografi successivi, quali ad esempio Carlo Cesare Malvasia, Marcello Oretti, Luigi Lanzi, ed altri.

Il Masini disse che l’artista era stato allievo del Carracci ed era morto in giovane età, e gli attribuì due opere, entrambe conservate nella parrocchiale di Santa Maria Maddalena a Porretta Terme: una Presentazione della Vergine al Tempio e un Sant’Antonio Abate, del quale precisò che la data di esecuzione all’anno 1600 senza però giustificare il motivo dell’asserzione, e che da ulteriori indagini risulta, come vedremo, eseguito in un momento diverso.
Il quadro è stato ritenuto eseguito nel 1600, mentre rivela invece la sua vera datazione scritta alla rovescia sul libro in primo piano , seguita probabilmente quel che resta di una firma. Attualmente il dipinto si trova in sacrestia, poiché nel corso del Novecento, l’altare della cappella di Sant’Antonio Abate aveva un aspetto assai ricco e comprendeva anche una nicchia ospitante una statua di San Rocco; venne rifatto e vi fu esposto un altro quadro.
Unitamente alla Presentazione, i due dipinti rivelano una personalità artistica già perfettamente formata e matura, dotata di uno stile pittorico fortemente chiaroscurato, di piena caratterizzazione accademica, sebbene propensa talvolta ad accensioni cromatiche ancora di stampo manieristico e ad aperture di suggestiva impronta naturalistica, ad esempio nella splendida ambientazione paesaggistica del Sant’Antonio Abate.

 

Rilevatore: Feliciano Della Mora

Data ultima verifica sul campo: 30/07/2012

PORRETTA TERME (BO), fraz. Campugnano. Oratorio del Crocifisso, tela di P.M. Massari, raffigurante sant’Antonio abate

Da Porretta Terme in via Mazzini prendere il bivio per Capugnano / Castelluccio, dopo circa 3 Km, imboccare a sinistra il bivio per Capugnano, dopo circa 800 m, a sinistra si trova la Chiesa Parrocchiale di Capugnano.
E’ oggi una frazione del Comune di Porretta Terme, ma fino al ‘500 fu un centro molto importante anche più della stessa Porretta. Mentre Porretta fu di dominio romano, Capugnano per circa un secolo resistette sconfiggendo due legioni romane e attaccando molte città colonizzate.

I Longobardi la collegarono alle principali vie di comunicazione dell’epoca, fu perciò terra di traffici e di confine, ebbe frequenti contatti con i crociati, con il mondo guelfo e ghibellino e con i maggiori Comuni, elaborando una propria politica autonoma anche resistendo ai potentati feudali.

Note storiche:
Testimonianze della sua storia ci pervengono dai monumenti che sono giunti fino a noi prima fra tutti la Chiesa di S. Michele. Una prima testimonianza di una chiesa dedicata a S. Michele risale al 1106-1111, in località Prà Preti.
Nel 1417 venne trasferita nella sede attuale. La nuova chiesa era piccola a un navata con soffitto ligneo, fu ampliata una prima volta nel 1474-75; all’epoca la parrocchia di S. Michele comprendeva anche i territori di Castelluccio, con la cappella di S. Maria Assunta, e quello di Porretta con la cappella di S. Maria Maddalena. Alla fine del ‘500 venne ulteriormente ampliata con l’aggiunta di due altari, una terza navata, la sacrestia ed il pulpito.
Gli interventi di ampliamento culminarono nel 1608 con il rifacimento dell’altare maggiore, nel 1682-84 vennero edificate la nuova abside, la cupola, il portico, a tre archi e a quattro colonne lapidee, e venne completato il campanile.
All’interno sono conservati la Madonna del Latte del XV sec. in origine affrescato sull’esteno della chiesa quindi restaurato e posto all’interno, e lo splendido organo a sei registri alla romana con cantoria e mostra intagliata.
Da vedere anche il gruppo statuario della Pietà di Capugnano in terracotta in origine policromo; l’affresco raffigurante il Giudizio Universale del 1522 e la pala dell’altare maggiore, olio su tela, raffigurante S. Michele opera attribuita a Guido Reni.

Adiacente alla chiesa è l’Oratorio del S.S. Crocefisso risalente al XVI sec. al suo interno sono conservati due altari laterali, S. Antonio e S. Benedetto, in origine nella chiesa di S. Michele, collocati qui nel 1889 per far posto ai confessionali. Interessante esempio della produzione ‘minore’ settecentesca è la Via Crucis in terracotta.
Verso la metà del ‘500 una prima Compagnia del Crocifisso (o dei Battuti) cominciò a raccogliersi in un oratorio corrispondente all’attuale scantinato della canonica, ed ebbe al centro del suo culto un crocifisso ligneo quattrocentesco, oggi perduto. Intorno alla chiesa di San Michele ed all’oratorio del Crocifisso sorse rapidamente un forte nucleo di spiritualità riformata che determinò il sorgere quasi di un seminario locale, nonchè di un profondo rinnovamento nello stesso mondo laico, che fu matrice di molte altre simili confraternite nella montagna. Presto il piccolo oratorio originario si rivelò inadeguato, e ne venne costruito uno nuovo e più ampio sul finire del 1500; nel 1639 venne ulteriormente ingrandito; al 1699 risale la bella ancona dell’altare maggiore, ornata dalla pala con Crocefisso, Madonna, S. Giovanni Battista e Maddalena genuflessa. La bella porta a bugnato dell’oratorio e la sovrastante lunetta dei battuti recano la data del 1692.
Col tempo vennero aggiunti gli altari laterali (quello di S. Antonio abate e quello S. Benedetto dei Giacomelli), in origine collocati nella chiesa parrocchiale e qui trasferiti nel 1889.

Pietro Maria Massari, detto il Porretano perchè originario di Porretta Terme, le cui poche opere costituiscono la vera sorpresa per chi visita queste zone.  Le scarse notizie storiografiche relative a Pietro Maria, che non risulta esser stato parente del più noto pittore bolognese Lucio Massari – e neppure di un Mario d’Antonio Maria Massari (o Massai), immatricolato all’Accademia fiorentina del Disegno sullo scorcio del Cinquecento – sono contenute in poche righe della Bologna perlustrata di Antonio Masini, edita nel 1666, e furono riprese, in modo più o meno pedissequo ma senza ulteriori aggiunte, dagli storiografi successivi, quali ad esempio Carlo Cesare Malvasia, Marcello Oretti, Luigi Lanzi, ed altri. Il Masini disse che l’artista era stato allievo del Carracci ed era morto in giovane età.
Ai dipinti di Santa Maria Maddalena a Porretta, che si può dire costituiscano il nucleo di base del catalogo del Massari, ne sono stati aggiunti recentemente altri tre, di cui uno soltanto può essere considerato autografo.
Si tratta di una nuova versione – del 1596 – del Sant’Antonio Abate (l’opera è su tela e misura  245 x 150 cm) in meditazione ascetica, stavolta colto nel corso di una visione durante la quale gli appare il Cristo risorto con la croce. Il quadro si trova attualmente nell’oratorio della Compagnia del Crocifisso, situato a fianco della parrocchiale di San Michele Arcangelo a Campugnano, presso Porretta, ma fu trasferito in questa sede nel 1899 con tutto il suo splendido altare ligneo, e la sua ubicazione d’origine era proprio all’interno di San Michele, di cui costituiva il terzo altare di sinistra, fondato nel 1596 dai fratelli don Sabatino e Rocco Menegamti, membri di una delle più importanti famiglie locali.
Rappresenta il Santo anacoreta secondo un’iconografia un po’ diversa dalla tela per i Sabatini, e molto più diffusa in queste zone: cioè con gli attributi del fuoco e del porcellino (assenti nella precedente versione), che lo qualificano come liberatore dall’erpes zoster (volgarmente detto “fuoco di Sant’Antonio”), e come protettore degli animali, particolarmente caro ai contadini.

 

Info:
Chiesa Parrocchiale San Michele Arcangelo (patrono: 29 settembre) Parrocchia di Capugnano
Tel. 0534 / 22372
Don Lino Civerra tel. 349 / 5294813  Email: linociverra@libero.it
Masini Gian Luigi tel. 0534 / 23743

Rilevatore:Feliciano Della Mora

Data ultima verifica sul campo: 20/07/2012

VARALLO SESIA (Vc), fraz. Morondo. Chiesa parrocchiale di Sant’Antonio Abate

 

La frazione Morondo (altitudine m 790) è situata a circa 6 km da Varallo e la si raggiunge seguendo la strada diretta alla frazione Camasco, che percorre la valletta del torrente Nono; il primo tratto è in comune con la strada che conduce al Sacro Monte di Varallo.
Dopo circa 5 km della strada per Camasco, una deviazione conduce a Morondo. La chiesa si trova su una piazza, al termine della Via Crucis che unisce il cimitero alla parrocchiale.
https://goo.gl/maps/GTev6EzBYFndGFWY7

 

 La chiesa ha tre navate ed un pronao, sorretto da due coppie di colonne, al di sopra del quale si apre una finestra, sormontata da un rosone.
In una nicchia  sopra il portale d’ingresso della chiesa è collocata una statua di S. Antonio Abate (Fig.); il Santo, che è rappresentato frontalmente, nella mano sinistra tiene il fuoco, mentre ai suoi piedi si trova un maialino.
Una seconda statua di S. Antonio (Fig.), situata nella prima cappella della navata destra, presenta il medesimo schema iconografico della statua sul portale.
Sulla cupola del presbiterio è affrescata la Trinità con la Gloria di S. Antonio Abate circondato da angeli e santi (Fig.), datata al 1780, opera del pittore valsesiano Antonio Orgiazzi il Vecchio (Varallo 1725-1790 circa).
Sulla parete di fondo dell’abside è collocata una tela di grandi dimensioni, che rappresenta la Madonna in trono con il Bambino e alcuni santi, fra cui in basso a sinistra si distingue S. Antonio Abate (Fig.), eseguita dal pittore Tarquinio Grassi (Romagnano 1656- dopo il 1733), e risalente ai primi  decenni del ’700.

Note storiche:
La chiesa fu costruita grazie ai contributi degli artigiani emigrati da Morondo a Roma.
Nell’inventario del 1717 è citata sopra il portale “in pittura l’immagine di S. Antonio Abate”. La statua è quindi posteriore a questo anno e potrebbe risalire al 1776, data presente sulla cornice al di sotto della statua.

La chiesa, che ne sostituì una più antica, venne iniziata probabilmente nel 1636, data che compare sul pronao, mentre l’anno della consacrazione è il 1779, come risulta dai verbali ed è testimoniato dalla data presente sulla facciata al di sopra del rosone.

 

Bibliografia:
 – L. Ravelli, Valsesia e Monte Rosa, Guida alpinistica – artistica – storica, Forni, Bologna 1980 (ristampa anastatica dell’edizione del 1924), pag. I^ 267.
– E. Manni, I campanili della Valsesia. Note di storia locale. Fascicolo II. Dieci parrocchie del contorno di Varallo, Varallo 1974, pag. 189, pagg. 196-197.
– AA.VV., Conoscere la Valsesia e la Valsessera, istituto geografico De Agostini, Novara 1990, pag. 60.
Per T. Grassi e A. Orgiazzi  si veda: C. Debiaggi, Dizionario degli artisti valsesiani dal secolo XIV al XX, Società conservazione opere arte monumenti Valsesia, Varallo 1968, pagg. 87-89, 127-128.

Note:
Attualmente alla statua sul portale manca la mano sinistra, asportata recentemente da una pallonata, mentre da tempo la mano destra è priva del bastone.

Fruibilità:
La chiesa è aperta durante la celebrazione della messa.
Sulla parete esterna della chiesa, a destra del portale, è collocato un pannello che illustra la storia e le caratteristiche dell’edificio.

Rilevatore: Maria Gabriella Longhetti

Data ultima verifica sul campo: 09/08/2006