Edoardo ROTUNNO. Ranverso e… oltre (libro)

Note:
L’Ordine degli Antoniani si sviluppò rapidamente già nel XII secolo, dando vita a numerose dipendenze, tant’è che la presenza degli Antoniani in Piemonte è attestata intorno all’anno 1186 nella città di Susa, e successivamente a Ranverso, ove si insediarono in un complesso già esistente. Non tutti gli studiosi concordano sulla data della fondazione di Ranverso. Alcuni, e tra di loro Placido Bacco, fanno risalire la nascita del nucleo originario al conte Umberto III di Savoia, intorno all’anno 1098. Siamo negli anni in cui in questa zona, tra Avigliana e Rivoli, imperversa un’epidemia di “fuoco sacro” ed è verosimile la storia che vede una marchesa di Avigliana impegnata a chiedere al marito, di recente tornato da una crociata, di intercedere presso il gran Maestro dell’Ordine, Gastone dei Gastoni, per ottenere l’invio di frati infermieri Antoniani per fondare un Ospedale che alleviasse le sofferenze della popolazione residente, in grandissima parte formata da poveri e miserabili contadini. Per la realizzazione venne scelta una regione detta Rivus inversus, perché in tale luogo scorreva un rio denominato Rio Inverso, dal termine piemontese “invers”, che equivale a dire situato a nord, così come il complesso degli edifici è addossato a una piccola collina esposta al nord, da cui derivò la dizione di Sant’Antonio d’Inverso, diventata successivamente Ranverso.

Sommario: Antonio e l’origine dell’Ordine degli Ospitalieri Antoniani; Sant’Antonio di Ranverso; l’Ospedale; la chiesa: esterno; la chiesa: interno; il chiostro; la cappella della Crocefissione e il coro d’inverno dei frati; il convento; degrado, rifacimenti e antichi restauri; ultimi restauri a Ranverso; scheda di approfondimento 1: Atanasio; scheda di approfondimento 2: la via Francigena; scheda di approfondimento 3: Cabreo; scheda di approfondimento 4: l’Ordine dei Cavalieri Ospitalieri di San Giovanni in Gerusalemme; scheda di approfondimento 5: l’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro; scheda di approfondimento 6: il gotico internazionale; scheda di approfondimento 7: Giacomo Jaquerio; scheda di approfondimento 8: Defendente Ferrari; Appendice; Glossario; Bibliografia.

Edoardo Rotunno Laureato in Lettere presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Torino. Già dipendente dell’Ordine Mauriziano di Torino dal 1976 al 2004, Dirigente del Servizio Patrimonio Storico Artistico e Responsabile del Settore Restauri e Riconversioni Patrimoniali. Attualmente è Dirigente Amm.vo dell’ASL TO1.
Ha pubblicato nel 2011, per L’Artistica Editrice di Savigliano, L’Abbazia di Staffarda. Inoltre ha scritto numerosi saggi per il Periodico Mauriziano 2000, inerenti i Beni Artistici della Fondazione Ordine Mauriziano.
Esperto di Egittologia, è conferenziere sul tema e sugli Ordini Monastici Gerosolimitani.

Dati tecnici Autore: Edoardo Rotunno Editore: Mediares, via Gioberti, 80/d – 10128 Torino Tel. 0115806363 – Fax 0115808561 www.mediares.to.it – e-mail: mediares@mediares.to.it I edizione: Gennaio 2015 ISBN 9788899282004 F.to 15×21 – Pagine: 144 – Prezzo: Euro 10,00 Per acquisti rivolgersi all’editore.

BORDANO (Ud). Sagra di Sant’Antonio Abate

Sagra di Sant’Antonio Abate, santo patrono di Bordano, domenica 18 gennaio 2015
– Ore 10.00 Santa Messa
– Ore 12.00 pranzo nella piazza della chiesa con ricchi choschi e piatti tipici friulani (frico, goulash, minestrone, porchetta, salame e formaggio con polenta, costa con verza vin brulè e molto altro).
Nel pomeriggio non può mancare il tradizionale e famoso PALO DELLA CUCCAGNA con ricchi premi gastronomici, inoltre spettacolo mangiafuoco e sfilata delle tradizionale maschere di Ravinis!!!

PESARO. Museo Civico, Palazzo Mosca, pala d’altare con Sant’Antonio abate

Piazza Vincenzo Toschi Mosca, 29, 61100 Pesaro (PU)
Telefono: 0721 387474


Pala d’altare dipinta da Jacobello Del Fiore (1380-1439)
e raffigurante la Beata Michelina tra i Santi: Girolamo, Giacomo Maggiore, Pietro, Paolo, Antonio abate e Nicola di Bari.

La pala è proveniente dalla chiesa di San Francesco in Pesaro.

 

Fruibilità:
ORARI: Dal 1 ottobre al 31 maggio: da martedì a giovedì h 10 – 13; da venerdì a domenica e festivi h 10 – 13 / 15.30 – 18.30 – Dal 1 giugno al 30 settembre: da martedì a domenica h 10 – 13, 16.30- 19.30 -Lunedì chiuso.

Rilevatore: Bonello Valter

LESTIZZA (Ud), fraz. Nespoledo. Centenaria festa di Sant’Antonio

Note:
Molto attesa la tradizionale Festa di Sant’Antonio Abate di Nespoledo, con la Processione con la statua del Santo, che dalla sua chiesetta campestre alla periferia del paese viene trasferito nella chiesa parrocchiale.
Dopo la cerimonia, i portoni che si affacciano sul viale del borgo e sulla piazza vengono aperti e nei cortili interni
Segue poi dalla tradizionale lotteria con “Il palio del porco”, con la festa che continua fino a tarda notte.

Da sabato 10 a domenica 18 gennaio 2015, ritorna a Nespoledo la centenaria festa di Sant’Antonio Abate:
eventi religiosi, iniziative culturali e appuntamenti enogastronomici per la sagra in onore del santo protettore degli animali agresti, venerato nel santuario fuori paese.
Il clou della manifestazione, la doppia processione dalla chiesa votiva alla parrocchiale in programma domenica 18 gennaio.
– Giovedì 15/01, alle 20:30, in palestra lo spettacolo teatrale “Ce comediis chest Nadâl!?” della compagnia “Sot la nape”.
– Venerdì 16/01, dalle 20:30, la gara di briscola gastronomica al bar Zizzutto.
– Sabato 17/01, alle 10:00 la messa nel santuario,
21:00 nella parrocchiale c’è la rassegna corale per il 13esimo concerto di Sant’Antonio Abate.
– Domenica 18/01, alle 10:00 i giovani del paese, vestiti con abiti di foggia antica, portano in processione, accompagnata dalla banda “La prime lûs” di Bertiolo, la statua del santo dalla chiesa parrocchiale a quella di Sant’Antonio, dove segue la messa cantata dal coro “Nuove Voci” diretto dal maestro Riga.
alle 15:00 altra processione con la banda Rossini di Castions per riportare la sacra immagine in paese.
alle 19:30 cibi locali sotto i portoni, mostra storica fotografica e lotteria.

Info: Comune di Lestizza (Ud).
Vai anche a >>>>>>

CASARSA DELLA DELIZIA (Pn), fraz. Versutta. Sagra di Sant’Antoni

Note:

A Versutta di S. Giovanni di Casarsa (PN) Sagra di Sant’Antoni, da sabato 10 a domenica 25 gennaio 2015.
— Fornitissima enoteca con vini locali e non,
— Concerti musica live con le migliori band,
— Storica gara di briscola (ci giochiamo il pursit!),
— Corsa campestre la prima del calendario nazionale.

Sagra di Sant’Antoni di Zenar santo patrono della borgata, con chioschi enogastronomici con le migliori specialità del nostro amico maiale.
I festeggiamenti si terranno tutti al coperto con locali riscaldati. Numerose saranno le specialità gastronomiche come gli gnocchi al sugo di porcit di Sant’ Antoni, gnocchi ai funghi, grigliata Versutta, pizza panino bomba, il tutto anche per asporto. Cottura alla brace.
In particolare grande evento per giovedì 23 gennaio dove verrà cucinata la costata solo su prenotazione. Il servizio ristoro è garantito con piatti di ceramica e posate di metallo; sarà presente una fornita enoteca con vini pregiati nazionali e locali. Non mancherà anche quest’anno alla sagra di Versutta il chiosco giovani dove potrete trovare diverse birre e musica.
All’interno della sagra un ricco calendario eventi e’ stato organizzato per farvi divertire come d’esempio concerti dal vivo, la marcia di Versutta non competitiva in programma per domenica 12 gennaio alle ore 9, le gare di briscola, i concerti spettacolo con le varie orchestre più note in Regione, il  Motoincontro Versutta  in programma per domenica 19 gennaio alle ore 10, feste country, spettacoli musicali dal vivo con contribute band.

Info: La Beorcja – Associazione culturale ricreativa