MATERA. Sasso Barisano, Chiesa rupestre dedicata a Sant’Antonio abate.

SAA sasso barisano 1Si trova nel Sasso Barisano, lungo l’omonima via di collegamento tra via Fiorentini e via Madonna delle Virtù.matera sassi

 

 

 

Presenta una facciata in muratura con piccolo rosone, due nicchie e campaniletto.
All’interno è a navata unica, in parte scavata ed in parte costruita, con tracce di affreschi sulle pareti ed una statua del Santo.

Le immagini di SANT’ANTONIO abate a RANVERSO.

Presentazione online il 16 gennaio 2021, a cura di: Alfredo Norio, Maria Gabriella Longhetti, Feliciano Della Mora Ugo Capella.

Vedi allegato testo a corredo: AAA AFOM SAA a Ranverso

Vedi allegato ppt con le immagini: SAA a Ranverso

Arabella CIFANI, Franco MONETTI, La festa di Sant’Antonio abate del 17 gennaio 1532 alla Precettoria degli Antoniani di Ranverso (To). Nuovi documenti per il Polittico di Defendente Ferrari.

La vicenda umana ed artistica del grande pittore Defendente Ferrari da Chivasso (Torino), uno dei protagonisti del rinascimento italiano spesso ingiustamente trascurato dalla storiografia artistica nazionale ed internazionale, è purtroppo carente di documenti storici, aldilà naturalmente dei quadri firmati e datati.

Leggi tutto nell’allegato: Defendente Ferrari, il polittico di Ranverso

SIENA. Pinacoteca Nazionale. Domenico Beccafumi, “Sant’Antonio abate che legge”, “Sant’Antonio abate”

Domenico di Pace, noto come Domenico Beccafumi (Montaperti, 1484 – Siena, 1551)

Catafalco per i defunti della Compagnia di Sant’Antonio Abate, 1538-1540.

Olio su tavola. Provenienza: Deposito dell’Arciconfraternità della Misericordia.

Sant’Antonio abate che legge, immagine a sinistra

Sant’Antonio abate, immagine a destra

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Data compilazione scheda: 13 nov 2018

Autore: Stefania Mendelssohn

Fonte: https://provincedesienne.com,

SIENA. Pinacoteca Nazionale. Bernardino Fungai, “Madonna col Bambino, Santa Maria Maddalena e Sant’Antonio Abate”

Tempera su tavola, 64 x 44 cm., di Bernardino Fungai (Siena, 1460-1516)

Cesare Brandi, nel Catalogo de La Regia Pinacoteca di Siena, antenato dell’attuale Pinacoteca Nazionale, ha evidenziato le influenze del fiorentino Lorenzo di Credi su Bernardino Fungai, particolarmente sentite in questa delicata Madonna col Bambino.

SAA fungaiAntonio abate, padre del monachesimo, con espressione seria, brandisce la “tau”, una sorta di stampella a forma di “T” che non lascia quasi mai. La somma di tutto ciò è un’immagine affascinante, adatta a servire come supporto visivo per sostenere la preghiera del credente, e per soddisfare il piacere dell’esperienza estetica di tutti gli altri.

 

Data compilazione scheda: 13 nov 2018

Autore: Stefania Mendelssohn

Fonte: https://provincedesienne.com