TEOLO (Pd). Oratorio di Sant’ Antonio abate

Brevissima passeggiata senza alcuna difficoltà adatta soprattutto nel periodo invernale e primaverile.
Da Teolo si sale ancora seguendo le indicazioni per “Monte della Madonna” (Santuario), dopo alcuni ripidissimi tornanti si sbuca all’evidente slargo del Passo delle Fiorine, in vista del monte Madonna, dove si trovano ampi parcheggi e area attrezzata per pic-nic a cura dell’Ente Parco Colli Euganei.
Di domenica, specie a primavera, il posto è frequentatissimo. La strada per Teolo, e anche verso il monte Madonna, è frequentatissima da tantissimi ciclisti.
Dopo aver parcheggiato procedere per un centinaio di metri fin dopo il ristorante Baita Fiorine da dove, subito dopo sulla sinistra, si stacca una stradina con una evidente indicazione per la chiesetta di Sant’Antonio abate.
La passeggiata è breve e facile, richiede circa un quarto d’ora. Poco prima di arrivare alla chiesetta si trova un bel terrazzo panoramico tra alcune roccette e una brevissima discesa.
Interessante la flora mediterranea che vegeta attorno: esemplari di fichi d’India e di cisto femmina.

 

Una leggenda vorrebbe che in una grotta che si trova al fianco sud del Monte si sia rifugiata ed abbia vissuto Santa Felicita, il corpo della quale si venera nella basilica di Santa Giustina in Padova.
Oltre alla grotta vi si trova una chiesetta dedicata a S. Antonio abate; a questa nei secoli passati era unito un eremo. Apparteneva ai monaci di Santa Giustina e ciò lo ricorda anche lo stemma che si trova sulla sua porta.
All’interno, sull’altare, una statua di Sant’Antonio Abate.
La festa di Sant’Antonio Abate, presso l’omonimo Oratorio, si tiene il 20 gennaio ed è curata dall’associazione ‘Amici dell’Oratorio’.

 

Rilevatore: Ersilio Teifreto, Feliciano Della Mora

Data ultima verifica sul campo: 05/07/2013

 


Regione Friuli-Venezia-Giulia

Categorie: Intitolazioni, Schede