AVELLINO. Chiesa di Sant’Antonio abate o di San Gennaro

Via Sant’Antonio abate
https://goo.gl/maps/tKhQqxoYs5iZtGTx8

 

Attualmente è chiesa cattolica ucraina di rito bizantino.

Lungo l’antica Via Salernitana, dal culmine di una ripida salita alla valle sottostante, si ergeva il popoloso Borgo Sant’Antonio, uno più antichi di Avellino, che aveva tratto il nome dalla Chiesa omonima. La chiesa è accanto alla Fontana di Grimoaldo o Tecta, menzionata nel 1138.

Citata nell’Elenco dei beni del Capitolo di Avellino, la Chiesa di Sant’Antonio abate risalente al 1584, successivamente, venne indicata prima anche come Chiesa di S. Gennaro, forse in relazione alla presenza di un busto in argento (XVII secolo) che formava oggetto di adorazione, e successivamente, durante la dominazione francese, Chiesa di S. Maria de la Salette.

La chiesa fu edificata con blocchi di tufo; due lapidi collocate all’interno testimoniano che ha subito vari rifacimenti nel corso degli anni, in particolare nel 1745, perché danneggiata da eventi bellici, alluvioni e terremoti.

Aula ad una navata rettangolare, coperta da volte.

 

Link:
https://catalogo.beniculturali.it/detail/ArchitecturalOrLandscapeHeritage/1500221215

http://www.irpinia.info/sito/towns/avellino/chiese/santonioabate.htm


Regione Campania