quarona_chiesaparrocchiale

QUARONA (Vc): chiesa parrocchiale di S. Antonio Abate.

Localizzazione e recapiti: La chiesa è situata sul corso P. Rolandi, la strada di attraversamento del centro di Quarona, sulla destra per chi giunge da Borgosesia.
Kompass (1:50000) – 97 Omegna – Varallo – lago d’Orta.
Quarona (altitudine m 420 circa) si trova sulla statale per Alagna, tra Borgosesia e Varallo.

Descrizione: alla facciata è anteposto un pronao ad archi sostenuti da quattro colonne, al di sopra del quale si aprono una trifora centrale e due finestre laterali. Sopra il portale, che ha timpano spezzato e cornici in pietra, si trova una nicchia con una statua di S. Antonio Abate, rappresentato inginocchiato in un ambiente roccioso, mentre tiene nella mano sinistra il bastone con la campanella; ai due lati della nicchia è dipinta un’Annunciazione. Lateralmente al portale, in due nicchie dipinte, sono affrescati S. Cristoforo, un santo molto presente nella decorazione delle chiese valsesiane, e S. Antonio da Padova.
Nella parte posteriore sinistra della chiesa si innalza un campanile con orologi.
L’interno ha una sola navata, coperta con una volta a botte decorata con riquadri affrescati con figure di santi; il presbiterio è di forma quadrata, mentre nel transetto si aprono due cappelle per lato. Nella prima cappella del lato sinistro del transetto è collocata una bella Deposizione con statue lignee dipinte. Nella seconda cappella del lato destro, tra le altre, si trova una statua di S. Antonio da Padova. In un altarino è collocato un quadro che rappresenta la Madonna con il Bambino, della scuola di Gaudenzio Ferrari (Valduggia, forse 1477-1546).

Materiale informativo ed illustrativo:
– Guida d’Italia del Touring Club Italiano, Piemonte, Milano 1976, pagg. 579-580.
– AA.VV., Conoscere la Valsesia e la Valsessera, istituto geografico De Agostini, Novara 1990, pag. 45.

Fase cronologica: la chiesa risale al XVII secolo ed è stata consacrata nel 1667

Cronologia: XVII secolo

Bibliografia:
– L. Ravelli, Valsesia e Monte Rosa, Guida alpinistica – artistica – storica, Forni, Bologna 1980 (ristampa anastatica dell’edizione del 1924), pagg. I, 177-178.
– AA.VV., Percorsi tra arte e devozione – Vercelli, Vercellese ,Valsesia, Vercelli, pag. 172.
– Per Gaudenzio Ferrari si veda C. Debiaggi, Dizionario degli artisti valsesiani dal secolo XIV al XX, Società conservazione opere arte monumenti Valsesia, Varallo 1968, pagg. 58-61.
– Per la compresenza di immagini di S. Antonio Abate e di S. Antonio da Padova si veda V. Casini, Chi passa per questa via…itinerari di devozione tra piloni e affreschi delle Alpi occidentali, Priuli e Verlucca, Aosta 2005, pag. 55.

Note: un cartello collocato all’esterno della chiesa attribuisce la costruzione al XVI secolo e la consacrazione al 9 ottobre 1617, ma fonti attendibili non concordano con queste date.

Fruibilità: la chiesa è normalmente aperta

Rilevatore: Maria Gabriella Longhetti

Data ultima verifica sul campo: 02/10/2006

Categorie: Schede