GENOVA. Museo di Sant’Agostino, “Sant’Antonio abate” di A. Brea, 1504

Olio su tavola di pioppo firmato e datato 1504, opera di Antonio Brea (nato a Nizza, notizie dal 1498 al 1527 circa) e di suo cognato Antonio (notizie nel 1504).

Il Santo è seduto, la mano destra in gesto di benedizione, la sinistra regge il bastone a tau con due campanelle. Ai piedi un piccolo maiale nero.

Museo di Sant’Agostino, Piazza di Sarzano.
Sorto negli spazi di un complesso conventuale agostiniano di origine medievale (XIII secolo), nel centro storico di Genova, adiacente alla chiesa sconsacrata di Sant’Agostino, è stato restaurato e ristrutturato fra il 1977 e il 1992. Aperto nel 1983, è allestito all’interno del complesso conventuale di Sant’Agostino, con il chiostro quadrangolare trasformato in spazio espositivo. Il percorso completo comprende anche la chiesa agostiniana risalente al XIII secolo con torre campanaria del XV secolo e il chiostro medievale di forma triangolare, unico nel suo genere.
Le opere del museo, principalmente di scultura e architettura, ma anche affreschi staccati, dipinti su tavola e tela del periodo dal 1200 al 1500, provengono principalmente da edifici religiosi, soprattutto genovesi, non più esistenti, da alcune dimore private, da donazioni e acquisti.


Data compilazione scheda:
25-1-2022
Rilevatore: AC

 


Regione Liguria