BORGOMARO (IM).Chiesa di Sant’Antonio abate

Piazza Felipe Cascione
https://goo.gl/maps/yhReP1jJWDo8KF456

 

Già sede di un edificio religioso del XIV-XV secolo (di cui rimangono tracce solo nel campanile) ubicato nella piazza principale della città, l’attuale struttura fu edificata nel XVII secolo su un progetto degli architetti locali Marvaldi; l’inizio dei lavori è datato al 1674.
Solo nel 1842 la chiesa di Borgomaro ereditò il titolo di parrocchiale della comunità dalla pieve dei Santi Nazario e Celso (prima chiesa matrice di Borgomaro, fondata nell’VIII-IX secolo), come da decreto vescovile di monsignor Raffaele Biale della diocesi di Albenga.

L’attuale struttura si presenta in stile architettonico barocco, ad unica navata e con due cappelle laterali dedicate alla Madonna delle Grazie e alla Madonna del Suffragio; la facciata esterna, invece, dopo il rifacimento nel 1847 ad opera dell’architetto Giuseppe Lalley è in stile neoclassico.
Gli affreschi della volta raffigurano la Fede e le quattro virtù cardinali, mentre ai lati della stessa vi sono i quattro Evangelisti: Matteo,  Marco, Luca e Giovanni.
L’altar maggiore, in marmo, è decorato da un crocifisso ligneo e sulla parete di fondo dell’abside una tela rappresenta la Gloria di Sant’Antonio abate.

Tra le opere di pregio artistico e architettonico si conservano: il dipinto settecentesco della Madonna con Bambino e i santi Giuseppe, Antonio di Padova, Carlo Borromeo e Francesco Saverio; il polittico dei Santi Nazario e Celso del pittore Pietro Guidi da Ranzo nella parete a destra dell’altare maggiore (XVI secolo); il polittico di Raffaele e Giulio De Rossi raffigurante L’incontro di Gesù con la Veronica; il quadro della Trasfigurazione nell’archivolto (XVI secolo); un ostensorio attribuito ad Anton Maria Maragliano (XVII secolo).

Le statue lignee di San Rocco e di Sant’Antonio abate sono opera dello scultore Giambattista Drago del XIX secolo.


Link:

https://it.wikipedia.org/wiki/Chiesa_di_Sant%27Antonio_Abate_(Borgomaro)


Data compilazione scheda:
14-2-2022
Rilevatore: AC


Regione Liguria