GERMANIA – FRANCOFORTE. Städel Museum, A. Bonvicino detto il Moretto “Madonna con s. Antonio abate e s. Sebastiano”

Il Museo si trova in Schaumainkai, 63.

“Madonna in trono col Bambino e sant’Antonio abate (a sinistra) e san Sebastiano”.
Olio su tela di 252.7 x 183.4 cm, dipinto da Alessandro Bonvicino detto il Moretto nel 1540.
Inventario numero 869

Link:
https://www.staedelmuseum.de/en

Per un’ampia biografia e bibliografia, vedere:
http://www.treccani.it/enciclopedia/bonvicino-alessandro-detto-il-moretto-da-brescia_%28Dizionario-Biografico%29/
e
https://it.wikipedia.org/wiki/Il_Moretto

VIGONE (TO). Cappella di Sant′Antonio abate

La cappella è posizionata al limite dell’antica cinta muraria sul ciglio di una strada in uscita dal centro in direzione Pancalieri.
Via Pancalieri, 1 angolo Via Virle
https://goo.gl/maps/xj56JWJW1rcPXmLp6

 

Sono scarse le informazioni relative alla fondazione della cappella. Le caratteristiche architettoniche e la presenza di un arredo interno prevalentemente settecentesco, inducono a ricondurre la costruzione al XVIII secolo.

Nel 1998 furono eseguiti lavori di manutenzione della copertura.
Nel 2005-6 vi fu un intervento di restauro della decorazione interna.

Presenta una singolare facciata a capanna con coronamento a trapezio acuto in muratura intonacata e decorata con fregi in finto cotto e motivi decorativi.
Nel coronamento un grande dipinto raffigura sant’Antonio abate.
La pianta ad aula è preceduta da un porticato.

 

Immagini e info da:
https://www.beweb.chiesacattolica.it/edificidiculto/edificio/60307/Vigone+%28TO%29+%7C+Cappella+di+Sant%27Antonio+Abate

Data compilazione scheda: 21/12/2021
Rilevatore: AC

VALPERGA (TO). Cappella di Sant’Antonio abate e Santa Lucia

Via Martiri della Libertà, 73
https://goo.gl/maps/eyTLcjnfEKRWyq7XA

 

La storiografia locale riferisce che la costruzione della cappella risale agli inizi del Seicento, fase in cui si registrano l’espansione dei nuclei insediativi e la costruzione di nuovi fabbricati e di numerosi edifici religiosi.
La cappella di Sant’Antonio non veniva utilizzata per la messa festiva, in quanto il sinodo del 1601 impose che tale celebrazione dovesse essere tenuta solamente nella chiesa parrocchiale, quale centro della comunità.

La facciata è rivolta a levante. Il fronte è suddiviso in due registri da trabeazione sottolineata con cornice leggermente aggettante, ed è coronata con timpano triangolare. Sull’asse centrale è collocata la porta di ingresso, affiancata da due finestre rettangolari. La posizione della porta è sottolineata dalla presenza di due lesene poco aggettanti. Nel registro superiore è collocata un’ampia finestra rettangolare, affiancata a sua volta da due specchiature in cui si leggono poche tracce di antiche pitture. La struttura portante è in muratura di pietra e laterizio.
L’aula è coperta da volte a vela su archi a tutto sesto con unghie simmetriche che si impostano su pilastri quadrangolari. L’abside è coperta da semicatino suddiviso in tre spicchi. La copertura è a doppia falda simmetrica, sostenuta da capriate lignee e manto in coppi. Sul lato nord-ovest è presente la base del campanile. La cella campanaria è stata abbattuta da un fulmine nell’autunno del 2015. Sono state restaurate la copertura e le strutture portanti.


Link:
http://www.chieseitaliane.chiesacattolica.it/chieseitaliane/AccessoEsterno.do?mode=guest&type=auto&code=60274

Data compilazione scheda: 21/12/2021
Rilevatore: AC

VAL DELLA TORRE (TO). Chiesa di Sant’Antonio abate e di Sant’Antonio di Padova

L’edificio, collocato lungo la strada, conclude l’area abitata della Borgata Ciaine
https://goo.gl/maps/CuYbPkU8SamMUdgn9

 

La cappella viene costruita per volontà di Giovanni Bronzino nel 1644. La data di fondazione è iscritta all’interno del frontone triangolare sopra l’ingresso.
La cappella ha pianta rettangolare ad aula unica, suddivisa in due campate voltate a vela. Nella seconda campata è posto l’altare. La facciata è compresa tra due lesene laterali e coronata da un timpano triangolare. Al centro della facciata si apre il portone d’ingresso, sormontato da frontone triangolare poggiante su strette lesene.
La cappella è officiata sia in occasione della festa di sant’Antonio di Padova che di sant’Antonio abate.

Sulla parete sinistra della seconda campata si apre una nicchia con teca, al cui interno è posta la statua di sant’Antonio abate.

Al di sopra dell’altare è posta la pala raffigurante la Madonna con sant’Antonio abate, sant’Antonio di Padova, san Giovanni e altro Santo.


Immagini e info da:

http://www.chieseitaliane.chiesacattolica.it/chieseitaliane/AccessoEsterno.do?mode=guest&type=auto&code=60260


Data compilazione scheda:
21/12/2021
Rilevatore: AC

TORINO. Chiesa di Sant’Antonio abate

Piazza Stampalia, 17
https://goo.gl/maps/Z9Pz46zZvu9KQoqJA

 

Edificata nel 1968 – 1969, la Parrocchiale è collocata al margine di un incrocio molto trafficato in un’area ad alta densità abitativa. Tali caratteristiche topologiche hanno influenzato il progetto fino a decidere di arretrare l’intera costruzione rispetto alla strada per facilitare un percorso pedonale o una sosta, mentre la sua volumetria, a gradonate, non interferisce con le masse imponenti dei caseggiati circostanti.

L’edificio in cemento armato, con grandi finestrature e coperture degradanti, ha una pianta centrale. Si accede alla chiesa attraverso una gradinata trasversale, rispetto alla strada, che introduce ad un sagrato. L’edificio si presenta racchiuso da un recinto realizzato con una muratura in cemento e da una cancellata. Una croce in acciaio e vetro è posta sulla gradinata di ingresso.

 

Immagini e info da:
http://www.chieseitaliane.chiesacattolica.it/chieseitaliane/AccessoEsterno.do?mode=guest&type=auto&code=34171

Data compilazione scheda: 21/12/2021
Rilevatore: AC