BARGE (CN), frazione Gabiola. Cappella di Sant’Antonio

L’edificio è situato in una zona collinare di Barge. Giungendo dal paese, si trova all’inizio della frazione Gabiola, in corrispondenza della biforcazione della strada principale.
Frazione Gabiola, Via Gabiola, 45
https://goo.gl/maps/N4u3fBV7aHN3h7rf6

 

L’area antistante l’edificio è delimitata e separata dalle strade da un muretto in calcestruzzo. L’area è adibita a verde e sono presenti alcuni piante ornamentali. L’edificio è preceduto da un portico che prosegue il tetto della chiesa ed è sorretto da due pilastri in muratura. La torre campanaria è situata sulla destra della chiesa, quasi all’altezza del presbiterio, a lato del quale si trova la sacrestia, un piccolo ambiente a pianta quadrata. Sul lato destro, perpendicolarmente all’asse longitudinale della cappella, è presente un fabbricato, un tempo adibito a oratorio e a servizio delle attività parrocchiali, ora in disuso.

L’ingresso alla chiesa è unico ed è situato al centro della facciata principale. La cappella è composta da un’unica navata che termina nell’abside.
In facciata, affresco a sinistra con immagine di sant’Antonio abate.

 

Link:
http://www.chieseitaliane.chiesacattolica.it/chieseitaliane/AccessoEsterno.do?mode=guest&type=auto&code=39045

Data compilazione scheda: 28/12/2021
Rilevatore: AC

BARGE (CN), frazione San Martino, località Torriana. Cappella di sant’Antonio (abate)

La cappella si trova in località Torriana, una zona collinare del comune di Barge, in direzione di Envie. L’edificio fa parte di un piccolo agglomerato di fabbricati che comprende le ex-scuole frazionali, la casa canonica e altre abitazioni private.
Via Sant’Antonio di Torriana.
https://goo.gl/maps/oiqzxBXLkHsLw2oA8

 

Nel 1507 jus patronatus ed istituzione della cappella di S. Antonio nella Ruata Torreacia di Barge.
Nel 1786 l’edificio fu ricostruito.

La chiesa è preceduta dal piccolo sagrato, uno spazio a verde con un camminamento centrale in lastre di pietra, delimitato da un muretto in calcestruzzo. Il campanile è inglobato nell’edificio destinato a canonica che è situato a nord della cappella, subito oltre le ex-scuole. L’ingresso principale, posto a sud, consente l’accesso alla navata maggiore che termina nel presbiterio e nell’abside semicircolare. Alla sinistra si trova una nicchia che emerge lateralmente formando un volume di altezza minore; attualmente ospita un confessionale. Il corpo di fabbrica laterale prosegue a nord fino all’altezza del presbiterio, aumentando la dimensione della manica.

La facciata è impreziosita dalla presenza di tre dipinti raffiguranti ai lati del portale san Grato (in abiti vescovili a sinistra) e sant’Antonio abate a destra; la Madonna con il Bambino sopra il portale.

All’interno, sopra l’altare, un dipinto che raffigura la Madonna col Bambino con ai lati, a sinistra, sant’Antonio abate (anche qui con bastone e campanella) e, a destra, san Grato.

 

Link:
http://www.chieseitaliane.chiesacattolica.it/chieseitaliane/AccessoEsterno.do?mode=guest&type=auto&code=39063

Data compilazione scheda:
 28/12/2021
Rilevatore:AC

BARGE (CN), fraz. Crocera. Cappella di San Grato e di Sant’Antonio

La piccola cappella è situata in una zona pianeggiante del comune di Barge, in prossimità del centro abitato di Crocera, presso la Cascina Gorrette.
https://goo.gl/maps/8zvokyc1naRwPWXp9

 

In un documento del 1791, conservato nell’Archivio Municipale, è nominata la cappella.
La chiesa fa parte di un piccolo agglomerati di fabbricati rurali, la cascina “Gorrette”. L’accesso è consentito da una strada sterrata che, diramandosi da via Cardè, transita davanti alla facciata principale per poi proseguire a sud tra i campi coltivati. Sul lato sinistro una piccola area in terra battuta che ospita la torre campanaria, la separa da un’abitazione privata. I rimanenti lati, est e nord, sono circondati da terreni coltivati.
L’ingresso principale, situato a sud, consente l’accesso alla navata maggiore che termina nel presbiterio e nell’abside semicircolare. Alla destra si trova la navata laterale, evidente aggiunta successiva, che termina all’altezza del presbiterio. In testa alla navata laterale, alla destra del presbiterio, si trova la sagrestia.

La facciata è impreziosita dalla presenza di un dipinto raffigurante San Grato, Sant’Antonio abate e la Madonna con il Bambino. ”

 

Link:
http://www.chieseitaliane.chiesacattolica.it/chieseitaliane/AccessoEsterno.do?mode=guest&type=auto&code=39069

Data compilazione scheda: 28/12/2021
Rilevatore: AC

ACCEGLIO (CN). Cappella di Sant’Antonio abate

La Cappella è posta ai margini della frazione o borgata Ponte Maira, Borgo Pontemacra, 1
https://goo.gl/maps/yxxaQZnkiC66yRua9

 

La quadreria che caratterizza l’arredo interno denuncia una preesistenza dell’edificio per lo meno intorno al XVII secolo.
La cappella fu restaurata nel 1875 perché era in situazione deplorevole, soprattutto nella parte del presbiterio, tanto da non potervi più celebrare la messa.
Murature portanti in pietra a spacco; le volte sono a crociera realizzate in pietra e laterizi. La struttura portante del tetto è lignea. Il campanile presenta quattro ordini.
La facciata principale, posta a sud, è coperta da un portico al di sotto del quale passa la strada che porta alla borgata. La facciata è a capanna con unico ingresso centrale, con sopra un affresco con la figura di s. Antonio abate e, ai lati, due finestre quadrate. Sulla cornice che corona la porta di ingresso è riportata la data 1895 ( un restauro?).

 

Link:
http://www.chieseitaliane.chiesacattolica.it/chieseitaliane/AccessoEsterno.do?mode=guest&type=auto&code=36369

Data compilazione scheda: 28/12/2021
Rilevatore: AC

LEVICE (CN). Chiesa parrocchiale di Sant′Antonio abate e della Natività di Maria Vergine

Piazza IV Novembre (Parrocchia in Via della Canonica)
https://goo.gl/maps/infs25LDbgx96DVq5

 

Nel 1178 papa Alessandro III conferma all’abbazia di S. Quintino di Spigno diritti sul luogo di Levice. Tra questi, forse, era anche una cappella. La prima menzione di una chiesa risale al 1574.
Nel 1594, in occasione della visita pastorale del vescovo di Alba Alberto Capriano, la chiesa risulta elevata al ruolo di parrocchiale.

Chiesa dal prospetto assai semplice, al punto da poter essere considerata, di fatto, priva di facciata, è organizzata internamente in tre navate di tre campate, la centrale coperta da volta a botte lunettata e le laterali da volte a crociera. Il presbiterio è invece sormontato da una volta a vela che, nella decorazione, simula una cupola su pennacchi sferici e concluso da un’abside con catino a costoloni e unghie.
Tutto, nell’assetto spaziale e strutturale dell’edificio, rimanda all’intervento di ricostruzione del 1766-76.

Internamente decorata nel 1931 dal pittore Giuseppe Castel. Di grande impatto visivo soprattutto l‘affresco raffigurante il trionfo di Sant’Antonio abate che orna la volta del presbiterio.

 

Link:
www.chieseitaliane.chiesacattolica.it/chieseitaliane/schedacc.jsp?sinteticabool=true&sintetica=true&sercd=10173#

Data compilazione scheda: 
28/12/2021
Rilevatore: AC