GRIGNASCO (NO). Cappella di Sant’Antonio abate

Frazione Casa Negri. Cà Trimpella. Via Negri 4-6
https://goo.gl/maps/qZcfS11wzRiPwN5B7

 

Piccola cappella agreste sul lato destro della strada che dalla frazione risale sino ai piedi della collina di Boia e che fu probabilmente commissionata da importanti famiglie del luogo. Sicuramente edificata prima del Cinquecento per gli affreschi datati 1539 e in un punto sovrapposti ad altri precedenti.
Si tratta di una piccola costruzione, orientata est-ovest, a pianta quadrata(circa 2,50 x 2,50 m lo spazio interno della navata), aperta in facciata, coperta con volta ogivale e conclusa da un’absidiola semicircolare con l’altare: una cancellata in ferro battuto ne protegge l’accesso su tre lati.
Gli affreschi, che rivestono tutto l’interno, la facciata, la parete esterna sinistra e parte della destra, sono di rilevante qualità artistica e rivelano la presenza di almeno due fasi decorative sovrapposte.
Il tema iconografico è rappresentato dalle storie della Vita e della Passione di Cristo a partire dalla Natività nell’abside e l’Adorazione dei Magi sulla parete interna sinistra, cui seguono cronologicamente l’Ultima Cena in basso sulla parete interna a destra, l’Orazione nell’orto sulla parete esterna sinistra, la Salita al Calvario nella zona alta della parete interna destra e un’ampia Crocifissione sull’arcata absidale.

All’esterno altre figure di Santi, tra cui, sui contrafforti della facciata, san Genesio con sopra la data del 1539 e sant’Antonio Abate a destra.
Gli affreschi sono attribuiti alla bottega di Angelo de Canta, attivo in altre chiese a Grignasco.

 

Immagini e info da:
https://www.invalsesia.it/cappella-di-santantonio-a-grignasco/

https://www.comune.grignasco.no.it/it-it/vivere-il-comune/cosa-vedere/cappella-di-s-antonio-ca-trimpella-19160-1-dbcc1fb8c7185fc4174435392f498504

Data compilazione scheda: 26/12/2021
Rilevatore: AC

SOSTEGNO (BI). Chiesa di Sant’Antonio

La chiesa è sita in Corso Cesare Alfieri, 27
https://goo.gl/maps/NrHsNCjz7PEu9uqaA

 

Si hanno notizie sulle origini del fabbricato nei documenti relativi ad una visita pastorale del 1664, dove viene citata la costruzione di un nuovo Oratorio di Sant’Antonio vicino al vecchio oratorio, di dimensioni ormai ridotte per le esigenze della comunità
Si riporta in alcuni documenti parrocchiali del 1951 che nel primo dopoguerra si intervenne con un importante intervento di restauro e si installò l’apparato di decorazioni murali.

La chiesa si trova leggermente rientrata rispetto al filo strada degli altri edifici, il sagrato va a costituire un piccolo piazzale. La facciata è semplice, composta da due ordini e un timpano, ritmata da due lesene e due paraste in tre settori verticali. I capitelli dell’ordine inferiore sono semplici e si rifanno allo stile dorico, quelli dell’ordine superiore mostrano delle volute che riportano allo stile ionico. I settori laterali dell’ordine superiore mostrano una nicchia ciascuno, mentre un oculo mistilineo centrale occupa il settore centrale.

La pianta è a navata unica, con volta a botte e lunette in corrispondenza delle finestre. Le pareti laterali sono orchestrate in tre campi con un altare per lato in prossimità del presbiterio. La partizione controfacciata è caratterizzata dall’organo e da una cantoria lignea. in testa alla navata si colloca il presbiterio, sopraelevato di due gradini.

Sopra l’altare maggiore è collocata una pala di notevoli dimensioni, raffigurante la Vergine con sant’Antonio abate e sant’Antonio di Padova.

 

Immagini e info da:
http://www.chieseitaliane.chiesacattolica.it/chieseitaliane/schedaca.jsp?sercd=28897

Data compilazione scheda: 26/12/2021
Rilevatore: AC

 

 

MASSERANO (BI), frazione Rongio Superiore. Chiesa di Sant’Antonio abate

Piccola cappella che sorge lungo il ciglio della Provinciale per Brusnengo.
https://goo.gl/maps/YwY3cMwKKbuPbkUM6

 

La costruzione dell’oratorio risale al 1697, come indicato in facciata, eretta per voto come protezione contro la peste e per devozione al Santo protettore del bestiame.

Durante la visita pastorale del 1747 il vescovo di Vercelli mons. Giovanni Solaro vide il manufatto in pessimo stato a causa delle numerose inondazioni subite dal torrente Bisingana, ordinò quindi la chiusura della chiesa.
Tra 1950 e 1980 furono eseguiti lavori di restauro e rifacimento: si completarono l’ala sinistra, la sacrestia ed il campanile contenente una piccola campana; si conosce poco al riguardo, si tratta di una serie di interventi dei fedeli.

L’interno è un vano di dimensioni modeste con un altare in muratura sormontato da un affresco raffigurante la Madonna con Sant’Antonio.

 

Link:
http://www.chieseitaliane.chiesacattolica.it/chieseitaliane/schedaca.jsp?sercd=62834

Data compilazione scheda: 27/12/2021
Rilevatore: AC

CRAVAGLIANA (VC), fraz. Brugaro. Chiesa di Sant’Antonio abate

Borgata Brugarolo, 3 – presso il cimitero.
https://goo.gl/maps/aWgZaSz1SmcV5rwh8

 

La facciata è preceduta da un portico.
Nella parte alta, un affresco di sant’Antonio abate con mantello, barba biforcata e bastone che, iconografia inconsueta, poggia la mano destra su un teschio.
Un grosso maiale scuro e dietro di lui.

Immagine da:
http://www.comune.cravagliana.vc.it/Home/Guida-al-paese?IDDettaglio=27889

Data compilazione scheda: 27/12/2021
Rilevatore: AC

CASALEGGIO NOVARA (NO). Rovine della chiesa di Sant’Antonio abate

La chiesa di sant’Antonio Abate si trova lontana dal centro di Casaleggio, in aperta campagna raggiungibile tramite una strada che conduce da Castellazzo Novarese a Casaleggio.
https://goo.gl/maps/YCUNFDMKayPZWsKj8

Documentata fin dal 1556, questa ecclesia ruralis sancti Antonij, fu citata nella visita pastorale di mons. Costa nel 1773, e viene riportato che si celebrava messa nel giorno di festa del Santo titolare.

La chiesa, realizzata sull’asse Est-Ovest con abside posto a est, si presenta come rudere, in quanto non è più presente la copertura, ma permangono le partizioni laterali in laterizio, ed il campanile. La struttura della chiesa non è più visibile in quanto la vegetazione rampicante ha coperto, quasi completamente, le pareti esterne. Vi sono tre navate che d’inverno, quando la vegetazione manca, si scorgono le colonne che le dividevano.
Il campanile presenta una base quadrata e si eleva su cinque livelli d’altezza, delimitati da cornici marcapiano ed evidenziate con monofore. Termina con un cupolino lapideo.
Suggestiva anche perché si specchia nelle risaie che la circondano.

 

Info:
http://www.chieseitaliane.chiesacattolica.it/chieseitaliane/schedacc.jsp?sinteticabool=true&sintetica=true&sercd=67801#

https://www.youtube.com/watch?v=zu3Kw5iLugc

Data compilazione scheda: 26/12/2021
Rilevatore: AC