BELGIO – ANVERSA. Museo Reale di Belle Arti di Anversa, “La tentazione di sant’Antonio abate” di Maerten de Vos, 1594

Olio su tavola di 277,4 × 209 cm, pannello centrale del trittico dell’Altare della Corporazione di Sant’Antonio e Sant’Uberto.
Inventario numero 103

Nel 1594 Martin Delafaylle e Roger Clarysse, decani della Confraternita di Sant’Antonio, pagarono a Maerten de Vos una pala d’altare per la loro cappella nella chiesa di Nostra Signora. Secondo la volontà dei donatori, il pezzo centrale doveva rappresentare la tentazione di Sant’Antonio e i pannelli laterali, oggi scomparsi, San Rocco e Sant’Uberto.
Nella parte centrale sono rappresentati alcuni episodi della vita di Sant’Antonio. La parte superiore illustra la Legenda Aurea dove si narra che gli angeli portassero il Santo per aria durante una delle sue innumerevoli tentazioni. I diavoli cercano di ostacolare il passaggio e portano davanti a lui tutti i peccati che aveva commesso dalla nascita. Alcuni autori vedono quindi i vari mostri come la rappresentazione dei peccati capitali.
In basso a sinistra, Antonio regge il corpo di san Paolo eremita mentre i leoni scavano la fossa.

 

Maerten de Vos il Vecchio o Marten de Vos (1532 – 1603) è stato un pittore fiammingo. È noto principalmente per la sua storia e per i dipinti e i ritratti allegorici.

 

Museo Reale di Belle Arti di Anversa (olandese: Koninklijk Museum voor Schone Kunsten Antwerpen) fu fondato nel 1810, ospita una collezione di dipinti , sculture e disegni dal XIV al XX secolo. In ristrutturazione dal 2011.

 

Immagine da Wikimedia

Link:
https://kmska.be/nl/meesterwerk/de-verzoeking-van-de-heilige-antonius-0

https://en.wikipedia.org/wiki/Maerten_de_Vos

https://en.wikipedia.org/wiki/Museum_Mayer_van_den_Bergh

Rilevatore: AC

BELGIO – BRUXELLES. Museo Reale delle Belle Arti del Belgio, “La tentazione di sant’Antonio abate”, di L. van Leyden, 1530

Olio su tavola di 66 x 71 cm.
Nel Museo degli Antichi Maestri

Lucas van Leyden (1494–1533) fu un pittore e incisore olandese.

 

Link:
https://www.wga.hu/frames-e.html?/html/l/leyden/1/santhony.html

https://en.wikipedia.org/wiki/Lucas_van_Leyden

Rilevatore: AC

BELGIO – ANVERSA. Museo Mayer van den Bergh, “La tentazione di sant’Antonio abate”, cerchia di Maerten de Vos, 1580-1600

Olio su pannello di legno di pioppo, 46,6 x 176 cm
Inventario numero MMB.0091

Opera di dimensioni poco comuni – non alta ma molto larga – dipinta su legno di pioppo, a indicare che faceva parte di un mobile che potrebbe essere stato un tempo il coperchio di un virginale, un tipo di clavicembalo con cassa rettangolare larga circa 170 cm e profonda da 45 a 50 cm, che corrisponde alle dimensioni del pannello.
Nel dipinto, solo un liuto e due trombe si riferiscono alla musica. Mostri ibridi – metà umani, metà animali – diavoli volanti, corpi impalati, nani… la varietà di orrori è infinita ed è innegabile l’influenza di Hieronymus Bosch.
Antonio è seduto sotto un albero, con una Bibbia aperta nella mano sinistra; accanto a lui un bastone e un maiale. 
In primo piano vi è uno stendardo con un’anatra e le parole ‘will nit mellen’ – che significa ‘non riferirà’ (che è un peccatore); è anche un’allusione alla parola tedesca per “sposarsi”. La frase deriva da “De Lustige Mensch“, una poesia di Jan van den Berghe del 1551 circa.

La tentatrice è splendidamente vestita con un abito riccamente decorato ed è al centro della scena. Con la mano destra tiene un calice d’oro e con la sinistra una tazza piena di monete: le lusinghe dell’ubriachezza e del denaro.

 

Maerten de Vos il Vecchio o Marten de Vos (1532 – 4 dicembre 1603) [1] è stato un pittore fiammingo . È noto principalmente per la sua  vita e per i dipinti e i ritratti allegorici.

 

Il Museo Mayer van den Bergh è un museo ad Anversa che ospita la collezione del mercante d’arte e collezionista Fritz Mayer van den Bergh (1858-1901). Le opere principali risalgono al periodo gotico e rinascimentale nei Paesi Bassi e in Belgio, compresi i dipinti di Pieter Brueghel il Vecchio.

 

Immagine da Wikimedia

Link:
https://museummayervandenbergh.be/nl/pagina/verzoeking-van-h-antonius

Rilevatore: AC

AUSTRIA – VIENNA. Kunsthistorisches Museum, “La tentazione di sant’Antonio abate” di anonimo seguace di H. Bosch, 1540-50

Olio su pannello di quercia, 16 x 16 cm, dipinto di forma rotonda.
Opera di Anonimo seguace di Hieronymus Bosch (circa 1450 – 1516)
Inventario numero GG_5690
Provenienza: 1638-1649 Coll. Hamilton; Collezione Leopold Wilhelm; Verificabile in galleria nel 1772; trasferito ad Ambras tra il 1774-1777; 1806 ritorno a Vienna.

 

Il Kunsthistorisches Museum (Museo di Storia dell’Arte), spesso anche indicato come il “Museo di Belle Arti”, è un museo d’arte a Vienna.

 

Immagine da Wikimedia

Link:
https://www.khm.at/objektdb/detail/254/

Rilevatore: AC

USA – LOS ANGELES. The J. Paul Getty Museum, “Paesaggio con tentazione di sant’Antonio abate” di R. Savery, 1617

Olio su tela di 48,7 x 94 cm
Opera del pittore fiammingo Roelant Savery, o Roelandt Maertensz Saverij, o de Savery (1576 – 1639)
Inventario numero: 2008.73
In mostra al Getty Center, Museum East Pavilion, Gallery E203

Dominante il dipinto è il paesaggio boschivo, a sinistra in basso, la piccola immagine di sant’Antonio in una capanna.

 

Link:
http://www.getty.edu/art/collection/objects/240287/roelandt-savery-landscape-with-the-temptation-of-saint-anthony-flemish-1617/
Rilevatore: AC